en it

ARCHIVIO GIURIA

EDIZIONI

EMIR KUSTURICA - PRESIDENTE

Regista serbo, nato nel 1954 a Sarajevo. Si è laureato in regia cinematografica presso la prestigiosa Academy of Performing Arts di Praga nel 1978. Durante i suoi studi, è stato premiato più volte per i suoi cortometraggi tra cui Guernica (1978), che ha ottenuto il primo premio allo Student’s Film Festival di Karlovy Vary. In collaborazione con lo sceneggiatore Abdulah Sidran, nel 1981 ha debuttato nel grande successo cinematografico “Ti ricordi di Dolly Bell?” che ha vinto il Leone d’argento come miglior film al Festival di Venezia. Il loro lavoro successivo, il dramma politico umano “Papà … è in viaggio d’affari” ha vinto all’unanimità il primo premio al Festival di Cannes del 1985 e il premio FIPRESCI ed è stato candidato all’Oscar come miglior film straniero. Nel 1989 ha vinto il premio come miglior regista a Cannes per “Il tempo dei gitani”, un film sulla vita di una famiglia di zingari in Jugoslavia. Il suo primo film in lingua inglese, “Il valzer del pesce freccia” con Johnny Depp, Jerry Lewis e Faye Dunaway è stato premiato con l’Orso d’argento al Festival di Berlino del 1993. “Underground”, un’amara commedia surrealista sui Balcani, gli è valsa una seconda Palma d’Oro al Festival di Cannes.

SANDRA MILO

Nata a Tunisi, esordì al cinema accanto a Sordi in Lo scapolo (1955). Il primo ruolo importante arrivò nel 1959 grazie a Il generale Della Rovere, per la regia di R. Rossellini, in cui interpretava il ruolo di una prostituta al fianco di Vittorio De Sica. Un ruolo analogo fu quello ricoperto in Adua e le compagne (1960) di A. Pietrangeli. Nel 1961 è protagonista con Eduardo De Filippo, Vittorio Gassman e Marcello Mastroianni di Fantasmi a Roma, diretto da A. Pietrangeli. Nel 1962 torna al cinema con Il giorno più corto di S. Corbucci, dove recita al fianco, tra gli altri, di Totò, Eduardo e Peppino De Filippo, Jean-Paul Belmondo, Ugo Tognazzi e Aldo Fabrizi. Cruciale fu l’incontro con Federico Fellini. Nei due capolavori 8½ (1963) e Giulietta degli spiriti (1965), vinse il Nastro d’argento come miglior attrice non protagonista. È stata anche diretta da L. Zampa in Frenesia dell’estate (1963), da Dino Risi in L’ombrellone (1965), da A. Pietrangeli in La visita (1963). Nel 2003 torna al cinema con il film Il cuore altrove di Pupi Avati. Nel 2005 diretta da Giacomo Rizzo partecipa all’intervista-spettacolo La mia vita uno spettacolo, ricevendo la Nike per il Teatro. Del 2008 la partecipazione al film Chi nasce tondo… di Alessandro Valori con Valerio Mastandrea. Nello 2010 esce nelle sale cinematografiche con la commedia di Gabriele Salvatores Happy Family che annovera la Milo tra i protagonisti. A ottobre 2016 recita nella commedia teatrale “Una fidanzata per papà”. Lo stesso anno è tra i protagonisti del film corale di Gabriele Muccino A casa tutti bene. Affianca Diego Abatantuono nella commedia Un nemico che ti vuole bene e partecipa all’ultimo film di F.M. Cortese dal titolo Free.

EDOARDO LEO

Edoardo Leo esordisce nel 1994 come attore e alterna ruoli da protagonista in grandi produzioni televisive, fiction e teatro. Al cinema è protagonista dei film “Dentro la città” di Andrea Costantini, poi in “Tutto in quella notte” di Franco Bertini e di Ettore Scola. Nel 2010 debutta come regista con il film “Diciotto anni dopo” da lui scritto, diretto e interpretato. Il film vince ben 40 premi nazionali e internazionali. Tra i tanti, il Prix du public al Festival di Annecy e al Festival del Mediterraneo di Montpellier.

Inoltre, gli viene assegnato il Premio città di Firenze per aver vinto tutti i 4 Festival del circuito N.I.C.E. (Seattle, San Francisco, Mosca e San Pietroburgo). Per la stessa pellicola, nel luglio del 2011, vince il premio AGE per la sceneggiatura, premio dedicato alla memoria del grande sceneggiatore Agenore Incrocci. A marzo 2012, Edoardo Leo esordisce a teatro al fianco di Ambra Angiolini nello spettacolo “Ti ricordi di me?”. Nel 2014 è protagonista della commedia “Smetto quando voglio” di Sydney Sibilia, che diventerà poi una trilogia dato il successo di critica e pubblico. Nel 2015 realizza il suo terzo film da regista “Noi e la Giulia”, Il film ottiene numerosi riconoscimenti, tra i quali il David Giovani, il Ciak d’oro e il Nastro d’Argento per la Miglior Commedia, il Globo d’Oro della Stampa Estera e il Premio Flaiano.
Dopo aver recitato nei film “Loro Chi?” di Francesco Miccichè e “Perfetti sconosciuti” di Paolo Genovese, torna dietro la macchina da presa per “Che vuoi che sia”, suo quarto film da regista. Nel 2017 torna in sala con “Smetto quando voglio Masterclass”, secondo capitolo della saga diretta da Sydney Sibilia, e con “Smetto quando voglio – Ad Honorem” che conclude la trilogia.
Da qualche anno porta in giro per l’Italia il suo reading “Ti racconto una storia”, una serie di storie, articoli raccolti nel tempo e improvvisazione, con accompagnamento musicale. Nel 2018 è sul set di “Non ci resta che il crimine”, diretto da Max Bruno, uscito a gennaio 2019.

MATHILDA MAY

Mathilda May, è un’attrice, ballerina e cantante francese. All’età di sedici anni vince il “Premier Prix du Conservatoire de Danse de Paris” per la danza. Nel 1984, esordisce al cinema nel film Nemo di Arnaud Sélignac e l’anno seguente ottiene una parte nel film Lifeforce. Nel 1987, recita nel film Il grido del gufo di Claude Chabrol, ruolo per il quale ottiene il Premio César come migliore promessa femminile. Un anno dopo arriva anche il Premio Romy Schneider. Tra i suoi film ricordiamo anche Naked Tango (1991), Becoming Colette (1991) e The Tit and the Moon (1994). Ha inoltre recitato in alcune miniserie televisive di produzione anche italiana, quali Il segreto del Sahara (1987 – 1988), Perlasca – Un eroe italiano (2002) e Soraya (2003). Nel 2013, mette in scena al Théâtre Jean Vilar de Suresnes “Open Space”, uno spettacolo muto in cui lei è autrice, regista e compositrice. Nel 2018 gira una serie per C8 con Ahmed Sylla e appare in Plon, il suo primo racconto autobiografico intitolato V.O. Attualmente è in tournée, nell’adattamento del film “La guerra della rosa”, messo in scena da Grégory Barco, con Pascal Demelon.

29 January 2019

EMIR KUSTURICA PRESIDENTE DI GIURIA DELLA 16a EDIZIONE DEL MONTECARLO FILM FESTIVAL

EMIR KUSTURICA PRESIDENTE DI GIURIA DELLA 16a EDIZIONE DEL MONTECARLO FILM FESTIVAL La prestigiosa kermesse cinematografica ideata e diretta da EZIO GREGGIO GRIMALDI FORUM MONTECARLO, PRINCIPATO DI MONACO, 4 – 9 MARZO 2019   Sarà il pluripremiato ed eclettico regista, sceneggiatore, attore e musicista di fama mondiale Emir Kusturica a presiedere la giuria della 16^ […]

Continua a leggere
3 March 2018

LO SPAGNOLO LA TRIBU’ VINCE FILM FESTIVAL DI MONTECARLO

Si conclude con successo la 15edizione del Film Festival della Commedia ideato e diretto da Ezio Greggio. La giuria, presieduta dal due volte premio Oscar Claude Lelouch e composta da Nancy Brilli, Valeria Solarino e dal critico Nick Vivarelli, ha deciso il Palmares: il premio per il miglior film è andato allo spagnolo ‘La tribu’’ […]

Continua a leggere
2 March 2018

CINEMA: TRAVIS FIMMEL A MONTECARLO, FACCIO IL RAPINATORE

Per l’Oscar tifo Gary Oldman, è il mio favorito. “Non conosco bene i candidati ma amo moltissimo Gary Oldman, è lui il mio favorito”. Travis Fimmel, sex symbol, è ospite alla 15esima edizione del Montecarlo Film Festival, il festival europeo dedicato alla commedia, ideato e diretto da Ezio Greggio. La prima battuta è per sostenere la […]

Continua a leggere
1 March 2018

AL FESTIVAL DI MONTECARLO COMMUOVE LA COMMEDIA ISRAELIANA MAKTUB

Tra terrorismo e voglia di felicita’, domani arriva Travis Fimmel. Commuove e diverte ‘Maktub’, uno dei tre film in concorso presentati oggi al 15esimo Montecarlo Film Festival diretto da Ezio Greggio, la più importante rassegna europea interamente dedicata alla commedia. Il film racconta la storia di due criminali che sono gli unici sopravvissuti di un […]

Continua a leggere
28 February 2018

CINEMA: A MONTECARLO ‘KING OF PEKING’, COME DIVENTARE PIRATI DI DVD IN CINA PRESENTATO IL FILM IN CONCORSO AL FESTIVAL DELLA COMMEDIA DI GREGGIO

Essere un incallito appassionato di film hollywoodiani in un piccolo villaggio cinese, diventare un ricco trafficante di video pirata ma scegliere di non perdere la fiducia del proprio figlio. E’ il divertente e toccante “King of Peking”, film australiano ambientato in Cina presentato oggi in concorso alla 15esima edizione del Montecarlo Film Festival, il più […]

Continua a leggere
26 February 2018

CINEMA: LELOUCH, OGNI FILM E’ UNA VITA AL VIA SOTTO LA NEVE IL MONTE-CARLO FILM FESTIVAL DIRETTO DA EZIO GREGGIO

Improvvisare è un obbligo per la commedia. Claude Lelouch, Ezio Greggio e Nancy Brilli presentano così la 15esima edizione del Montecarlo Film Festival de la Comédie, l’evento ideato e presieduto da Ezio Greggio, che si svolge fino al 3 marzo 2018 nel Principato di Monaco. Il Festival, che presenterà anche in questa edizione il meglio […]

Continua a leggere